skip to Main Content

Profilo

Dal 2005 lavoro in libera professione come consulente aziendale, coach e supervisore in Alto Adige, nelle regione del Nord Italia e nel Tirolo del Nord.

Nel mio lavoro di consulenza faccio confluire un’ampia gamma di esperienze nelle seguenti aree professionali:

  • Imprese commerciali (sviluppo organizzativo e di team, coaching, formazione, sviluppo del personale)
  • Imprese sociali (coaching, supervisione, sviluppo organizzativo, strategia)
  • Aziende di servizi ( strategia, sviluppo organizzativo, coaching)
  • Scuole e asili (sviluppo organizzativo, coaching, supervisione, mediazione)
  • Aziende industriali (sviluppo del personale, formazione per quadri, coaching)
  • Case di riposo (coaching team manageriali, supervisione individuale, mediazione)
  • Organizzazioni della Chiesa (supervisione, sviluppo organizzativo, coaching)
  • Banche (coaching dei dirigenti nella rete di vendita e nelle aree interne)
  • Organizzazioni culturali (coaching e sviluppo dell’associazione)
  • Start-up (strategia, sviluppo del personale, coaching)
  • Associazioni (sviluppo dell’associazione, coaching, mediazione)
  • Persone private (coaching su questioni di lavoro e di vita privata)
  • Partecipanti a corsi di supervisione e consulenza (supervisione)

Percorso formativo ed assicurazione qualità

Formazione

  • Laurea in matematica con specializzazione in informatica all’Università di Innsbruck (1983-88)
  • Corso di formazione come supervisore, coach e sviluppatore organizzativo presso la Sympaideia di Innsbruck (2001-04)

Aggiornamento professionale

  • Corso Integral Organizational and Structural Constellations con Rolf Lutterbeck (Bad Homburg 2005-07)
  • Coaching ipnosistemico con Gunther Schmidt (Metaforum ad Abano 2006)
  • Coaching provocatorio con Noni Höfner (Metaforum ad Abano 2007)
  • Mediazione e risoluzione dei conflitti con Rudi Ballreich (ASC in Alto Adige 2008-10)
  • Sviluppo organizzativo con Wolfgang Looss (ASC in Alto Adige 2012-13)
  • Art Of Hosting con Elisabeth Anker (Innsbruck 2014)
  • Coaching esistenziale con Alfried Längle (ASC in Alto Adige 2017)
  • Università estive ANSE 2011 a Stavanger (N), 2013 a Kaunas (LT), 2015 a Zara (HR), 2019 a Bolzano (I)
  • Conferenze internazionali di supervisione a Bregenz (2010, 2012, 2015)

Assicurazione di qualità

  • Gruppo di supervisione con Wolfgang Looss a Innsbruck (2007-20)
  • Gruppo di supervisione Balint con Angela Gotthard-Lorenz (2009)
  • Gruppo di Intervisione Regionale dell’ASC (dal 2010)
  • Gruppo Internazionale Europeo di Intervisione presso ANSE (2014-18)
  • Conformità ai criteri e agli standard di qualità regolarmente verificati dall’ASC dalla loro introduzione nel 2013

Esperienze di lavoro

1987-88 Assistente studente presso l’Istituto di Informatica dell’Università di Innsbruck

1989-1991 Sviluppatore di software presso la Hewlett Packard a Böblingen (D) nel campo dei Sistemi Gestione Risorse Umane. Lì ho avuto modo di conoscere ed apprezzare la loro famosa filosofia aziendale, la HP-Way.

1991-2005 presso la Banca Popolare dell’Alto Adige inizialmente come organizzatore, rappresentante sindacale, promotore della gestione progetti ed organizzazione processi e dal 2001 responsabile dello sviluppo del personale. In questa funzione mi sono occupato, tra l’altro, del reclutamento delle squadre per le nuove filiali nelle aree di espansione, della concezione e dell’organizzazione della formazione aziendale, dello sviluppo e dell’introduzione di strumenti di gestione e sviluppo del personale fino al supporto ai dirigenti nei loro compiti manageriali.

2008-2013 membro del direttivo della ASC Associazione Professionale per supervisione, coaching e sviluppo organizzativo e per due anni anche nel board dell’ANSE, l’organizzazione ombrello europea delle associazioni nazionali di supervisione. In questo periodo ho ampliato la mia visione della supervisione nelle sue forme europee. Con grande rispetto, ho assistito ai lavori di fondazione dell’Associazione croata e alle esposizioni speciali per la supervisione nell’ambito della gestione dei traumi bellici nella loro società.

Back To Top
×Close search
Cerca